Indagini sulla determinazione e variazione dell’assegno di mantenimento


02_assegno_mantenimentoDeterminazione e variazione assegno di mantenimento

In una separazione coniugale l’assegno di mantenimento è disciplinato dall’articolo 156 del codice civile nel quale si stabilisce che “il giudice, pronunziando la separazione, stabilisce a carico del coniuge cui non sia addebitabile la separazione, il diritto di ricevere dall’altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri” ed impone al giudice di determinare l’entità dell’assegno in relazione, oltre che al reddito, anche alle “circostanze” in base al secondo comma dell’articolo 156.

Nel tempo l’assegno di mantenimento può essere nuovamente quantificato quando si verifichi una variazione della situazione economica, del reddito o altre vicende che comportino un cambiamento delle entrate dell’ex coniuge.

Quando si verifichino dei dubbi sui valori dichiarati al giudice o si ha il sospetto che l’ex coniuge nasconda fatti di rilievo che possono far variare l’assegno coniugale, è importante raccogliere e produrre prove che possano essere utilizzate in tribunale affinché si determini il reale assegno di mantenimento.

Investigazioni private per determinazione assegno di mantenimento

Capta Investigazioni Private è in grado di produrre un rapporto dettagliato, utilizzabile ai fini giudiziali, contenete le prove atte a determinare il giusto assegno di mantenimento riportando i seguenti dati:

  • Situazione lavorativa reale dell’ex coniuge
  • Attività lavorative non ufficiali
  • Condizioni reali patrimoniali (case, terreni, autovetture, etc.)
  • Beni mobili e immobili che anche se non ufficialmente intestati ne siano nella piena disponibilità e nel pieno godimento
  • Tenore di vita reale dell’ex coniuge